home

foto
videoclips
sounds
fumetti
aviation art
vita vissuta
check list
eventi
musei
curiosità
Le nostre storie
links

Italian Flying Museum
Rusty Angels

che ora é...?



commenti      

 
 

Ad una persona distratta, un museo aeronautico può dare un'impressione di immobilità, di vecchio: ambienti talvolta scuri, magari un po' polverosi, poche persone, oggetti misteriosi, aeroplani appesi, apparentemente senza vita....

A una persona distratta. 

Ma a una persona con la passione che gli scorre nelle vene come il JP4 nei condotti del motore di un jet, il museo fa un altro effetto.

Già varcando il cancello si ha come l'impressione di entrare in un mondo magico: aeroplani silenziosi che ti guardano e che ti danno il benvenuto, consapevoli che sei un amico e che quindi non c'é pericolo. E' come se si andasse a trovare un gruppo di saggi, che hanno conosciuto la vita ed il mondo e che ora sono li, tutti insieme, a ricordare tempi passati e a  guardare come si comportano le nuove leve, commentandone le prestazioni, l'affidabilità, la loro generosità nel perdonare gli errori di chi li pilota e che grazie a loro vede cose che altri non vedranno mai.

Poi, avvicinandosi ad ogni aeroplano se ne percepisce l'odore: pungente, un misto di carburante, olio, metallo. Lo avete mai notato? La prima cosa che si sente quando si sale su un aeroplano é il suo odore. 
Finalmente lo si tocca: con un po' di timore, ma é come dare una carezza a una bella donna. Salve amico, sono io, sono venuto a dirti che non sei solo, che non ci siamo dimenticati di te. E si continua a toccarlo, come per dargli e per ricevere una sensazione di sicurezza. Se lasci la mano sul metallo senti che non é poi così freddo... 
Si segue il profilo del muso,  si guarda il carrello, si esamina il bordo d'attacco delle ali, ci si ferma a controllare le prese d'aria, l'ugello di scarico o le marmitte: con il motore sono i suoi organi vitali che,  insieme agli strumenti nell'abitacolo, permettono al pilota di capire se oggi l'aeroplano ha voglia di volare.

E poi ci sono le voci. Quelle degli specialisti che fanno gli ultimi controlli, che portano il carrello del gruppo elettrogeno, che ti aiutano a legarti e a diventare un tutt'uno con l'aeroplano.
Riconosci la voce del pilota che, anche lui come te,  sfiora l'aeroplano prima di andare in volo, dandogli del tu e chiedendogli di condividere  la stessa gioia di volare. E allora ti immagini la preparazione del volo, le ansie che precedono la partenza, i calcoli che permetteranno di ritrovare la strada di casa: messa in moto, rullaggio, decollo, in volo.

 Solo - sopra tutto e tutti. 

Storie di coloro a cui tu ti senti istintivamente vicino, perché anche se non li hai mai conosciuti, sai che sono tuoi amici.

Ecco. Queste sono le sensazioni che si provano andando in un museo aeronautico. 
Non tutti le capiscono o magari io soffro di allucinazioni ma lasciate che vi dica una cosa: anche a me piacerebbe, quando  arriverà il momento, ritrovarmi con i veri amici - saggio tra i saggi - e ricevere la visita di uno sconosciuto che, magari timorosamente, mi si avvicini e mi chieda: "Scusi signore, ma perché guarda sempre in aria e non la smette mai di parlare di aeroplani?

Staremo a vedere.


MUSEI

Nord Italia

                

Trento
Lugo di Romagna

 
Rimini

 

Torino

Logo Politecnico di Torino
Istituto di Macchine e Motori per Aeromobili

Bergamo


Museo Storico 
Milano

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci

Collezione Modellistica Luciano Piazzai                              
Aeroporto Malpensa, Terminal 1

Centro Italia

Vigna di Valle - Roma

Museo Storico dell'Aeronautica Militare Italiana
 Latina

banner_titolo_def.jpg (22834 byte)
Centro esposizioni storiche Piana delle Orme
 
 

 All'Estero

 
ARGENTINA
Museo Nacional de Aerónautica
Imperial War Museum London
 United States of America
 
Washington, DC
 
 
 Dayton, Ohio - Wright-Patterson AFB 

Midland, Texas

[AAHM Masthead Logo]